Novità in tema di cessioni di carburanti e sub appalti in edilizi

Adempimento Fatturazione elettronica

Ambito Cessioni di benzina e gasolio utilizzati come carburanti per motori e prestazioni rese da soggetti subappaltatori di un contratto di appalto con un’amministrazione pubblica.

Decorrenza 1° Luglio 2018
Soggetti obbligati Tutti i soggetti passivi stabiliti sul territorio italiano, ad eccezione dei soggetti che beneficiano della franchigia per le piccole imprese
Riferimenti Circolare 8/E/2018 Agenzia delle Entrate

 Siamo a presentare i principali chiarimenti forniti:

 Cessione di carburanti

    • Cosa riguarda
  • L’obbligo di fatturazione elettronica, in vigore dal 1° luglio 2018, riguarderà esclusivamente le cessioni di benzina e gasolio per motori ad uso autotrazione. Sono esclusi gli acquisti di altri tipi di carburante per autotrazione, quali ad esempio le cessioni di carburanti per motori di gruppi elettrogeni, impianti di riscaldamento e attrezzi di vario genere.
  • Indicazioni facoltative
  • La fattura elettronica dovrà essere emessa secondo le regole ordinarie, disciplinate dall’art. 21 e 21 bis del DPR 633/72. Pertanto non figurano come elementi obbligatori, ad esempio, la targa o altro estremo identificativo del veicolo, che potranno essere facoltativamente inseriti nel campo “Mezzo di trasporto” del file della fattura elettronica.
  • Ulteriori acquisti
    • Se contestualmente si effettuino più operazioni che trovano esposizione in un’unica fattura (es. piccoli interventi di riparazioni, lavaggio del veicolo…), ma solo alcune di esse soggette all’obbligo di fatturazione elettronica, quest’ultima forma si rende obbligatoria per l’intero documento.
  • Fatturazione differita
  • Potrà essere emessa in formato elettronico anche la fattura differita, se le cessioni sono state tutte accompagnate da un documento di trasporto o da altro documento, analogico o digitale, che abbia tutti i contenuti previsti per il DDT.
  • Esoneri
  • Sono esonerati dall’obbligo di fatturazione elettronica coloro che applicano il regime forfettario e il regime fiscale di vantaggio (c.d. minimi).
  • Obblighi per detraibilità e deducibilità
  • La detraibilità dell’IVA e la deducibilità del costo saranno subordinate all’utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili, quali:
    • Carte di credito;
    • Carte di debito;
    • Carte prepagate;
    • Assegni, bancari, postali e circolari, nonché vaglia cambiari e postali;
    • Pagamenti elettronici previsti dall’art. 5 del D.Lgs 82/2005.

I pagamenti di carburante che non vengono eseguiti dal soggetto passivo ma da un terzo per suo conto (quali ad esempio dal dipendente), e successivamente a questo rimborsati, devono essere effettuati sempre con strumenti tracciabili.

Tale obbligo di tracciabilità troverà applicazione anche in tutti i casi in cui il pagamento avviene in un momento diverso dalla cessione. Siamo a segnalare, ad esempio, che nel caso in cui sono emessi buoni carburanti o carte ricaricabili che consentono al cliente di rifornirsi di carburante presso un qualsiasi distributore della rete, la fattura elettronica dovrà essere emessa al momento di acquisto del buono o di ricarica della carta.

  1. Prestazioni rese da subappaltatori e subcontraenti
    • Soggetti obbligati

Dal 1° luglio 2018 sarà in vigore l’obbligo di fatturazione elettronica delle prestazioni, rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese operanti nel quadro di un contratto di appalto con un’amministrazione pubblica.

Troverà applicazione per i soli rapporti “diretti“ tra il soggetto titolare del contratto e la pubblica amministrazione, nonché tra il primo appaltatore e coloro di cui egli si avvale, con esclusione degli ulteriori passaggi successivi.

  • Ulteriori chiarimenti

L’Agenzia delle Entrate, nella Circolare 8/2018, ha reso noto che verrà emanato un successivo documento di prassi per l’esame delle specifiche problematiche del settore.

Scarica la pubblicazione in Pdf